Camminare per le strade della Medina di Marrakech è’ un’esperienza sensoriale.

Odori e rumori che di continuo ti assalgono per le strade o mentre si è sdraiati a riposare sulla terrazza del Riad al tramonto.

La luce fa da contorno per rendere l’esperienza ancora più affascinante e lasciare un’impronta nella memoria che difficilmente se ne andrà senza un po di malinconia.

Rumori di vita che fanno da colonna sonora per i turisti e che scandiscono il tempo agli abitanti, come le urla dei muezzin che invitano i credenti alla preghiera, le grida di bambini che giocano per le strade a pallone e i canti delle donne accompagnati dal suono dei tamburi per festeggiare l’arrivo di una nuova creatura.

Abbiamo iniziato parlando di odori…odori dappertutto, spezie forti o delicate ti invadono il naso e si mischiano ad odori di altri cibi e di animali.

Il profumo rappresentativo di Marrakech  è sicuramente il tè alla menta. Si espande dal naso alla bocca, un gusto unico che esiste solo la’ fermo, nel tempo.

Se vi volete dilettare, gli ingredienti sono 3 : la menta, il the verde e lo zucchero e la preparazione in realtà è molto semplice:

  • Mettere a bollire l’acqua in una pentola
  • In una teiera preparare il tè verde (un cucchiaino a testa per chi berrà il tè più un cucchiaino per la teiera)
  • Appena l’acqua bolle versarne un dito nella teiera e spostare la teiera sul fuoco per qualche minuto, in modo che le foglie di tè si aprano bene
  • colare il tè per lavarlo, quindi aggiungere acqua fino a riempire la teiera e rimettere sul fuoco.
  • quando l’acqua bolle, togliere la teiera dal fuoco e aggiungere la menta lavata e lo zucchero.
  • Se poi proprio si vuole fare i maestri, per mescolare lo zucchero versare il tè in un bicchierino da un’altezza di circa 30 cm, come fanno i marocchini, poi riversare il contenuto del bicchierino nella teiera. Continuare così per un po’ di volte in modo che lo zucchero si sciolga bene.

Abbiamo raccontato di Profumi ma Marrakech è’ anche odori sgradevoli, come la puzza nauseabonda della cacca di piccione che si respira nelle concerie.

Come ci hanno spiegato, essendo piena di ammoniaca agisce come agente di rammollimento che permette alle pelli di diventare malleabili e quindi d’assorbire meglio il colorante. 

Gli stessi odori di spezie incontrati per le strade labirintiche e per i suq della medina si ritrovano come gusti nella cucina, dove vengono usate con un’attenzione chimica, creando aromi senza paragoni.

Tra questi piatti, il tajin di pollo al limone è sicuramente quello che mi è piaciuto di più; anche in questo caso vi riporto la ricetta, per chi come me volesse sperimentare in casa ciò che ha provato di buono in giro per il mondo:

  • Fate appassire a fuoco dolce in un tajine o un tegame di coccio le cipolle nell’olio extravergine d’oliva. Lavate i pezzi di pollo, asciugateli, adagiateli sulle cipolle, aggiungete lo zafferano, lo zenzero e la curcuma, mescolate bene e fate prendere colore alle carni a fiamma media.
  • Unite l’aglio e le erbe tritate, aggiustate di sale e pepe, poi versate 350ml d’acqua e portate a ebollizione. Abbassate il fuoco, coprite e lasciate cuocere per circa 40 minuti.
  • Togliete il pollo dal tajine e al suo posto mettete le olive e i quarti di limone e fate andare a fuoco lento per 10-15 minuti senza coperchio. Rimettete il pollo nella salsa e riscaldate. Servite la vostra tajine di pollo al limone e olive ben calda.

Se siete alla ricerca di ristoranti, Le Tobsil, dove mi ha portato la mia dolce metà, è un posto dove tutte queste sensazioni sono rintracciabili e dove si può assaporare un grande Tajin di pollo al limone.

Se invece volete passare una giornata rilassante e indimenticabile allontanatevi dal centro e recatevi al Beldì Country Club, dove potrete stare a bordo piscina circondati da campi di rose e ulivi centenari.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...