Il 16 settembre l’Atletico Madrid giocherà contro il Malaga la sua prima partita nella nuova casa, lo stadio Wanda Metropolitano.

A malincuore i tifosi dovranno abbandonare il Vicente Calderon dopo 51 anni di grandi emozioni, consolandosi però in un nuovo grandissimo stadio che sarà super all’avanguardia tecnologica e che potrà ospitare sino 68.000 persone al suo interno, ben 14 mila spettatori in più rispetto al vecchio impianto.

La curiosa denominazione dello stadio è dovuta a “Wanda”, la compagnia cinese che detiene il 20% delle quote del club, e “Metropolitano” in onore del vecchio impianto che ha ospitato le partite interne dei Colchoneros tra il 1923 e il 1966.

Lo stadio è stato realizzato dall’azienda di Barcellona FCC Construccion che ha cominciato i lavori nel 2011 per un costo totale di realizzazione di 240 milioni più l’acquisto del terreno che si aggira sui 60 milioni totali e ad oggi manca solo il prato.

Sarà pieno di schermi e led, a partire dall’esterno dove luci a led illumineranno interamente lo stadio, il club ha chiuso per questo un accordo con LG Electronics.

La società coreana sarà incaricata di fornire ai Rojiblancos le soluzioni tecnologiche più avanzate fino ad oggi, come sottolineato dall’Atletico stesso nella dichiarazione pubblicata lunedì attraverso il suo sito ufficiale.

L’obiettivo è quello di fare un salto qualitativo nell’utilizzo della tecnologia per migliorare l’esperienza degli spettatori sia nelle partite di calcio che in uno qualsiasi degli eventi che possono avvenire lì.

L’Atletico installerà tre enormi schermi video – uno a ogni estremità e uno sul lato più un totale di 900 televisori montati attorno allo stadio per le zone VIP, aree stampa, spogliatoi e alcuni punti strategici sugli stand.

Le aree VIP saranno di diverse tipologie per un totale di 7116 posti che copriranno un’area grossa 11 mila metri quadri, i posti saranno tutti esterni con sale comuni o private alle spalle dalle quali si può accedere comodamente dal proprio palco o box.

Tutte queste salette potranno essere utilizzate dai clienti quando vogliono.

Potranno infatti sfruttare questi spazi per riunioni, presentazioni a clienti  e addirittura creare convention, attraverso un auditorium da 450 persone e tramite un servizio continuo di ristorazione dato da una cucina centrale di 1.000 metri quadrati.

“Vogliamo che sia un grande centro congressi che possa essere utilizzato ogni giorno dell’anno”, dicono dal club.

Inoltre sarà l’unico stadio europeo in cui si potrà assistere alla partita mentre si mangia grazia alla Terrazza, che sarà un “ristorante” con tavoli all’aperto.

Lungo il viale del lato ovest dello stadio saranno posizionate delle mattonelle celebrative dei calciatori che hanno ottenuto più di 100 presenze con la maglia dell’Atletico Madrid, intitolato il Paseo de Leyendas.

Sui social stanno già girando alcune delle mattonelle che sono state montate, la più condivisa è quella dell’ex ct spagnolo e grande giocatore dell’Atletico Luis Aragones.

✌️itto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...