Il robot Yape è già al lavoro per le strade di Cremona, fa il postino con un “contratto di apprendistato”, una fase test sotto l’occhio vigile della pulizia municipale che si concluderà a novembre.

Non teme le minuscole stradine del centro storico grazie a quattro sensori 3D che consentono di mappare l’area fino a una distanza di 35 metri.

L’opera è dell’azienda e-Novia, grazie al consenso del sindaco Gianluca Galimberti.

e-Novia nasce nel 2012 su iniziativa di alcuni ricercatori del “Move Research Group” del Politecnico di Milano, nel progetto sono coinvolti più di 40 tra manager e ingegneri coinvolti, che hanno dato vita a 15 brevetti e attivato 4 spin-off: e-ShockZehusDrive2Go e AstraYacht, società che sviluppano prodotti e soluzioni a partire dalla proprietà intellettuale e dai brevetti di e-Novia e operano nei settori automotive, sport motoristici, flotte di veicoli, trasporti, nautica, mobilità cittadina.

“No, non siamo un incubatore d’impresa, né un acceleratore. A noi piace definirci una fabbrica. Una fabbrica di startup”.

Vincenzo Russi, classe 1959, amministratore delegato di E-Novia, sintetizza così l’idea che nel 2015 ha portato lui, Ivo Boniolo, Sergio Savaresi e Cristiano Stelpa a creare l’azienda.

Attraverso partnership mirate con le Università, E-Novia finanzia ricerche in grado di far nascere “idee che possono diventare imprese”.

Lo scorso anno si è chiuso a quota 3milioni di fatturato (+75% sull’esercizio precedente).

“Per ora abbiamo un forte focus su startup della mobilità e dei big data. Abbiamo finanziato ricerche che hanno prodotto aziende come Blurake eHiride, sistemi intelligenti per migliorare le prestazioni delle biciclette. Ognuna di queste aziende, tutte controllate di E-Novia, vengono da ricerche universitarie che noi abbiamo finanziato. I loro manager sono ex dottorandi delle facoltà, molti dal Politecnico di Milano”.

Cremona all’avanguardia insomma, essendo la prima città italiana a fregiarsi di un simile dispositivo per le consegne.

Vedendo questo tipo di robot ci viene da pensare, cosa farà in futuro l’uomo quando il robot lo sostituirà nella maggior parte delle sue mansioni operative?

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...